< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Visto d'ingresso/Schengen/respingimento”

Sono state trovate 281 decisioni - pagina Pagina 2 di 29

21/10/2021 - Italiana - Civile - Merito
Nel caso di richiesta di visto d’ingresso per motivi turistici da parte del coniuge straniero di cittadina italiana, l’autorità diplomatica italiana ha il potere di verificare – al di fuori di verifiche indiscriminate e con obbligo di motivazione – l’effettività del legame matrimoniale per escludere la ricorrenza di un possibile matrimonio fittizio. Poiché si tratta di valutazioni attinenti allo stesso presupposto del diritto al ricongiungimento familiare con il coniuge, va pertanto respinta la tesi per cui l’Ambasciata dovrebbe rilasciare il visto in base all’avvenuta celebra...
Corte d'appello dell’Aquila, 21 ottobre 2021, n. 1599

18/10/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di visto di reingresso, sussistono i comprovati e gravi motivi di salute che giustificano l’applicazione del termine semestrale di cui all’art. 8, d.PR. n. 394/1999 quando lo straniero documenta che il protrarsi della propria assenza dall’Italia è dovuto allo stato di depressione in cui è caduto a seguito della morte improvvisa della propria compagna. È quindi annullato il provvedimento di diniego del visto, non preceduto dalla comunicazione del preavviso di rigetto, fondato sulla mera constatazione dell’allontanamento dal territorio nazionale senza che fosse stato chiest...
TAR Lazio, sez. III ter, 18 ottobre 2021, n. 10636

2/9/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La circostanza che lo straniero abbia fatto ingresso in Italia con visto turistico non preclude il conseguimento del permesso di soggiorno per residenza elettiva (art. 11, co. 1, lett. c-quater, d.p.r. n. 394/1999) atteso che la titolarità di un visto in corso di validità ovvero di un visto d’ingresso per residenza elettiva non figurano espressamente tra i presupposti per il rilascio del permesso di soggiorno in questione. Inoltre, sussistendo i requisiti della percezione di una pensione, del possesso di risorse economiche e della disponibilità abitativa, l’aspetto formale della mancanz...
TAR Marche, sez. I, 2 settembre 2021, n. 647

4/8/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Va annullato il provvedimento, non preceduto dal preavviso di rigetto e motivato soltanto attraverso il richiamo alle disposizioni che individuano i casi di diniego, che nega il rilascio del visto di reingresso a uno straniero il quale, allontanato dal territorio dello Stato in esecuzione di un ordine di espulsione poi annullato, è da tempo in attesa del rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di lavoro, nonostante l’esito positivo della relativa istruttoria. In primo luogo, infatti, il procedimento relativo alla domanda di permesso per motivi di lavoro non si è concluso con l’ad...
TAR Lombardia, sez. VI, 4 agosto 2021, n. 1885

9/7/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il mancato inserimento del decreto di espulsione nella banca dati SIS non incide sulla sua validità, con la conseguenza che non residua alcun margine di discrezionalità in capo alla PA, vincolata a negare il rilascio del permesso di soggiorno. È pertanto legittimo il provvedimento di diniego opposto a una cittadina brasiliana destinataria di un decreto di espulsione corredato da divieto di reingresso quinquennale a cui il consolato italiano ha rilasciato un visto per motivi di studio, proprio a causa del mancato inserimento di detto decreto nella banca dati SIS. Tale ultima circostanza inte...
TAR Lombardia, sez. I, 9 luglio 2021, n. 1687

5/7/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Difettando sia l’elemento dell’ingiustizia del danno che quello della colpa in capo all’amministrazione, va rigettata la richiesta di risarcimento del danno da ritardato provvedimento (2043 c.c.) presentata dalla straniera ex titolare di carta MAE che, entrata in Italia con visto di ingresso di tipo “D” per missione a seguito del coniuge da cui poi si è separata, si è vista negare il rilascio del permesso per motivi di lavoro (permesso poi rilasciato per lavoro autonomo della durata di un anno a seguito di decisione del Consiglio di Stato). Infatti, la carta MAE è strettamente cor...
TAR Lazio, sez. I ter, 5 luglio 2021, n. 7929

7/6/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di visto d’ingresso per motivi di studio, il punto 2, parte IV della circolare MIUR per l’anno accademico 2020/2021 laddove richiede che i mezzi economici di sussistenza debbano essere comprovati con garanzie personali o dei genitori ed esclude fideiussioni bancarie o garanzie fornite da terzi si pone prima facie in contrasto con gli artt. 4, co. 3, e 39, co. 3, TUI che invece fanno espresso riferimento alle garanzie prestate da “enti o cittadini italiani o stranieri regolarmente soggiornanti nel territorio dello Stato” senza alcuna limitazione correlata a rapporti di parent...
TAR Lazio, sez. III ter, 7 giugno 2021, n. 3198

27/4/2021 - Italiana - Civile - Merito
È accolto il ricorso del Ministero dell’interno per la revoca dell’ordinanza cautelare che sanciva la sussistenza del diritto di fare ingresso in Italia per presentare domanda di protezione in capo a un cittadino straniero che allegava di aver subito un respingimento informale in virtù dell’accordo tra Italia e Slovenia del 1956. [Il Tribunale ha ritenuto che non sia stata raggiunta la prova, nemmeno nei limiti della cognizione sommaria propria del giudizio cautelare, che l’interessato abbia effettivamente subito la riammissione informale e sia stato vittima delle gravi condotte lame...
Tribunale di Roma, sez. diritti della persona e immigrazione, 27 aprile 2021, R.G. 7045

2/4/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La giurisdizione sul respingimento dello straniero alla frontiera appartiene al giudice ordinario, atteso che tale provvedimento incide su posizioni giuridiche aventi la natura di diritto soggettivo e annoverabili tra i diritti umani fondamentali (art. 2 Cost.) che non possono dunque essere degradate a interesse legittimo. Inoltre, tale provvedimento rientra, per omogeneità di contenuto e funzioni, nella più ampia categoria dell’espulsione, che l’art. 13 del TUI demanda alla cognizione dell’autorità giudiziaria ordinaria. [Nella fattispecie, il ricorso è dichiarato inammissibile per ...
TAR Lazio, sez. I ter, 2 aprile 2021, n. 3974

10/3/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’art. 21, par. 2 bis della CAAS, che prevede il diritto alla libera circolazione degli stranieri titolari di un visto per soggiorni di lunga durata in corso di validità, non implica alcun diritto o libertà che ricada nel principio di tutela giurisdizionale effettiva (art. 47 della Carta dei diritti fondamentali) in capo ai cittadini di Stati terzi ai quali tale visto sia stato negato e non impone alcun obbligo corrispondente agli Stati membri, poiché tale situazione esula dall’ambito applicativo della disposizione citata. Tuttavia, l’obbligo per gli Stati di prevedere mezzi di ricors...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 10 marzo 2021, causa C-949/19, Konsul Rzeczypospolitej Polskiej w N.