< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1741 decisioni - pagina Pagina 2 di 175

6/6/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il dies a quo, dal quale far decorrere i termini per la conclusione del procedimento di rilascio del permesso di soggiorno, deve essere individuato nel giorno in cui l’istante è convocato presso la Questura per l’effettuazione dei rilievi fotodattiloscopici e non dalla data di presentazione all’Ufficio postale del plico da far pervenire alla Questura, adempimento che non integra tecnicamente la formulazione di un’istanza bensì un mezzo di trasmissione della stessa.TAR Campania, sezione staccata di Salerno, sez. III, 6 giugno 2023, n. 1307(n. 435) Il Tribunale Amministrativo Regionale...
TAR Campania, sezione staccata di Salerno, sez. III, 6 giugno 2023, n. 1307

1/6/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È respinto il ricorso con il quale lo straniero si è visto negare il permesso di soggiorno per motivi di studio a causa del mancato superamento degli esami di profitto anche se la PA non ha valutato le esigenze familiari [gravidanza della compagna, successiva nascita del figlio e conseguente necessità di trovare dei lavori], addotte solo nella fase giurisdizionale, sia quali cause di forza maggiore che ai fini della possibilità di riconoscergli “d’ufficio” un diverso titolo di soggiorno. In particolare, non avendo partecipato al procedimento amministrativo a seguito della comunicazio...
TAR Lazio, sez. I ter, 1 giugno 2023, n. 9375

24/5/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
In applicazione del recente principio di diritto espresso dalla Consulta in tema di efficacia automaticamente ostativa al permesso di soggiorno delle condanne per reati di c.d. “piccolo spaccio”, va annullato – con obbligo della PA di riesaminare la posizione dello straniero – il provvedimento che nega il permesso per motivi di lavoro ex art. 103, co. 1, d.l. n. 34/2020 ritenendo automaticamente ostativa una risalente condanna, senza effettuare alcuna valutazione in concreto in merito alla sua tipologia, all’entità del fatto e al suo carattere risalente rispetto al provvedimento, n...
TAR Campania, sezione staccata di Salerno, sez. III, 24 maggio 2023, n. 1199

22/5/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È rigettato il ricorso per l’ottemperanza del giudicato civile con cui è stato disposto il rilascio, in favore dello straniero, della carta di soggiorno per coesione familiare con il coniuge cittadino italiano in un caso in cui, essendo emersi elementi di pericolosità sociale a carico dell’interessato, la PA ha rilasciato, anziché il predetto titolo, il diverso permesso biennale per motivi familiari. Deve infatti ritenersi che la concessione del permesso biennale, in luogo della carta di soggiorno quinquennale, non rappresenta un atto violativo o elusivo del giudicato, non potendo l’...
TAR Lazio, sez. I ter, 22 maggio 2023, n. 8734

11/5/2023 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Ai fini del rinnovo del permesso per casi particolari (artt. 27, TUI e 40, d.P.R. n. 394/1999), occorre procedere al rinnovo del nulla osta al lavoro rilasciato allo straniero ai fini del primo ingresso nel territorio nazionale da parte della Prefettura. Tuttavia, la mancata richiesta di proroga del nulla osta da parte dello straniero non può di per sé costituire un legittimo motivo di diniego del rinnovo, specie laddove il soggetto risulti essere in possesso degli altri requisiti sostanziali di legge, ossia la proroga del contratto di lavoro a tempo determinato in essere, nonché la dimostr...
Consiglio di Stato, sez. III, 11 maggio 2023, n. 4772

10/5/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il diniego del permesso di soggiorno per cure mediche (art. 19, co. 2, lett. d bis, TUI) allo straniero sottoposto a “terapia salvavita” quando la stessa può essere effettuata al di fuori di strutture sanitarie anche durante il viaggio di rimpatrio, consistendo la cura nell’assunzione di medicinali per via orale e soprattutto trattandosi di medicinali ottenibili, per il prosieguo del trattamento sanitario, anche nel Paese di origine, dove lo straniero potrà continuare il monitoraggio previsto dal piano terapeutico, secondo gli accertamenti svolti dalla Pubblica amministraz...
TAR Umbria, sez. I, 10 maggio 2023, n. 264

9/5/2023 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
Gli obblighi positivi a tutela della vita privata (art. 8 CEDU) impongono alla Svizzera di rilasciare un permesso di soggiorno allo straniero ottuagenario che risiede da oltre 50 anni nel Paese, anche se negli ultimi vent’anni tale soggiorno è stato irregolare e l’interessato non ha mai ottemperato all’ordine di allontanarsi dal territorio nazionale né l’espulsione, pur disposta, è stata mai eseguita.Corte europea dei diritti dell’uomo, 9 maggio 2023, ric. n. 21768/19, Ghadamian c. Svizzera(n. 434) Sintesi La questione sottoposta alla Corte riguarda i presupposti per la sussistenz...
Corte europea dei diritti dell’uomo, 9 maggio 2023, ric. n. 21768/19, Ghadamian c. Svizzera

8/5/2023 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
È dichiarata l’illegittimità costituzionale del combinato disposto dell’art. 4, co. 3, e dell’art. 5, co. 5, TUI, nella parte in cui impone il diniego automatico del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro anche nelle ipotesi di condanna, pur non definitive, per il reato di cui all’art. 73, co. 5, del T.U. stupefacenti (c.d. “piccolo spaccio”) e quelle definitive per il reato di cui all’art. 474, co. 2, c.p. (vendita di merci contraffatte), senza prevedere che l’autorità competente (il questore) verifichi in concreto la pericolosità sociale del richiedenteCor...
Corte costituzionale, 8 maggio 2023, n. 88

26/4/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il diniego di conversione del titolo di soggiorno per minore età (art. 32, co. 1-bis, TUI) in permesso per motivi di lavoro opposto al cittadino straniero il quale, sebbene formalmente non sia stato ammesso al progetto di integrazione sociale e civile richiesto dalla legge (anche se non come condizione imprescindibile), dimostra di aver sempre cercato di integrarsi motu proprio, con la frequenza di vari corsi che, di fatto, erano assimilabili, per analogia, a quelli dei quali avrebbero dovuto farsi carico le istituzioni.TAR Lazio, sezione staccata di Latina, sez. I, 26 aprile 2...
TAR Lazio, sezione staccata di Latina, sez. I, 26 aprile 2023, n. 278

17/4/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il diploma conseguito presso un Istituto annoverato fra gli Istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica, ancorché il corso frequentato dalla persona interessata non sia annoverato espressamente fra quelli riconosciuti dal Ministero, dà accesso alla conversione del titolo per motivi di studio in permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Alla luce della circostanza che il controllo circa la validità legale del percorso di studi che lo straniero intende compiere in Italia dovrebbe essere accertata al momento del rilascio del permesso di soggiorno per motivi di studio, un’in...
TAR Lombardia, sez. III, 17 aprile 2023, n. 952