Indice di recerca: Famiglia e minori - Minori

Sono state trovate 358 decisioni - Pagina 32 di 36

23/6/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il questore deve concedere la conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso per attesa occupazione al minore extracomunitario divenuto maggiorenne anche se questi risulti affidato ad un tutore, posto che la Corte Costituzionale, con sentenza n. 198 del 2003 ha giudicato legittima la norma di cui all’art. 32 D. Lgs. 286/1998 a condizione che la stessa venga interpretata come relativa ad ogni tipo di affidamento, e cioè sia all’affidamento amministrativo, che all’affidamento giudiziario che all’affidamento di fatto. Tar Lombardia, sez. di Brescia, sent. n. 646 del 23...
Tar Lombardia, sez. di Brescia, sent. n. 646 del 23 giugno 2005

22/6/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
Solo il minore non accompagnato, già affidato ad una determinata persona fisica ovvero ad una famiglia, può conseguire, con la maggiore età, la conversione del suo permesso di soggiorno in permesso per motivi di lavoro, pur senza possedere gli ulteriori requisiti definiti ai commi 1 bis e 1 ter. D. lgs. 286/98. Tar Veneto, sez. terza, sent. n. 2646 del 22 giugno 2005, Pres. Zuballi, Rel.Gabbricci. A.U. – Min. dell’Interno. Sentenza   sul ricorso n 54/05, proposto da A. U., rappresentato e difeso dagli avv. ti Rossato e Cazzin, con domicilio eletto presso lo studio in della seconda in ...
Tar Veneto, sez. terza, sent. n. 2646 del 22 giugno 2005

18/6/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il diniego della conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso per lavoro subordinato dello straniero che risulti affidato solo di fatto e che non integra gli ulteriori requisiti prescritti per i minori non accompagnati. Non è infatti condivisibile l’estensione operata dalla Corte costituzionale del comma 1 dell’art. 32 anche ai soggetti affidati solo di fatto, risultando di difficile dimostrazione la sua effettiva sussistenza, la sua durata e il rapporto di parentela intercorrente tra minore affidato e affidatario. Tar Piemonte, Sez. II, Sent. n. 2269 del...
Tar Piemonte, Sez. II, Sent. n. 2269 del 18 giugno 2005

3/5/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il diniego della conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso di soggiorno a fini collocativi nel mercato del lavoro a seguito del compimento della maggiore età, basato sull’applicazione delle modifiche apportate dalla legge n. 189/02, che hanno introdotto i requisiti relativamente ai minori non accompagnati. L’amministrazione ha omesso di considerare il consolidato orientamento giurisprudenziale secondo il quale la situazione del minore sottoposto a tutela, come nel caso in esame, ricade nel comma 1 dell’art. 32, rispetto al quale gli ulteriori requi...
T.R.G.A. Trentino Alto Adige, Sez. di Trento, Sent. n. 131 del 3 maggio 2005

12/4/2005 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È illegittimo il provvedimento di rifiuto della conversione del permesso di soggiorno rilasciato al minore divenuto maggiorenne e già sottoposto a tutela - ma sprovvisto del requisito dell’ammissione per almeno due anni ad un progetto di integrazione sociale e civile gestito da un ente pubblico o privato - in quanto tale requisito, previsto dall’art. 32, comma 1 bis, TU, è alternativo e non cumulativo rispetto a quello previsto dal comma 1 del medesimo articolo. Consiglio di Stato, Sez. VI, decisione n. 1681 del 12 aprile 2005, Pres. Schinaia, Rel. Maruotti. Ministero dell’interno e Q...
Consiglio di Stato, Sez. VI, decisione n. 1681 del 12 aprile 2005

12/4/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il diniego di conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso per lavoro motivato con la mancata produzione della documentazione concernente l’affidamento del ricorrente. L’affidamento a parente entro il quarto grado, infatti, concretizza un ipotesi di affidamento parentale libero, che è operante ipso facto ed è legalmente valido senza necessità dell’intervento di alcun organo giudiziario o amministrativo. Tar Friuli Venezia Giulia, sent. n. 226 del 12 aprile 2005, Pres. Borea, Rel. Settesoldi. T.F. – Min. dell’Interno. Sul ricorso n. 8/2005 di T. ...
Tar Friuli Venezia Giulia, sent. n. 226 del 12 aprile 2005

12/4/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il diniego della conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso di soggiorno per lavoro dello straniero affidato in minore età ad un parente entro il quarto grado. In questo caso non sono applicabili i requisiti previsti per i minori non accompagnati, poiché, nel caso di specie, al minore straniero oggetto di ricongiungimento familiare è rilasciato, al compimento dei 14 anni, un permesso di soggiorno per motivi familiari che, al compimento dei 18 anni, può essere convertito in uno dei permessi di soggiorno indicati dal comma 1 dell’art. 32, senza quindi ...
Tar Friuli Venezia Giulia, Sent. n. 226 del 12 aprile 2005

1/4/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il diniego di conversione del permesso di soggiorno per minore età in permesso per lavoro subordinato motivato dall’assenza del requisito dell’ammissione ad un progetto di integrazione sociale e civile. Questa disposizione si applica ai soli minori non accompagnati, mentre nel caso di specie risulta che il ricorrente sia stato affidato in minore età ad uno zio. Applicando una interpretazione estensiva della nozione di affidamento, la situazione del ricorrente si inquadra nel comma 1 dell’art. 32, per il quale non occorrono ulteriori requisiti se non la dimostrazione dell...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 2166 del 1° aprile 2005

4/3/2005 - Italiana - Civile - Cassazione
Poiché il provvedimento ex art. 31 comma 3, del testo unico immigrazione, sia esso adottato dal tribunale per i minorenni che dalla corte di appello in sede di reclamo, non tutela un diritto soggettivo del familiare ad entrare o permanere nel territorio nazionale ma l’interesse generale a che il minore abbia uno sviluppo psico-fisico sano ed equilibrato, ed è quindi adottato con procedura di natura non contenziosa e senza assumere carattere di definitività, esso non è suscettibile di ricorso per cassazione, così che, nel caso di rigetto dell’istanza, questa può essere riproposta alla...
Cass,. sez.I, sentenza n. 4798 del 4 marzo 2005

2/3/2005 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento con il quale il comitato per i minori stranieri dispone il rimpatrio di una cittadina extracomunitaria, fondato su una incompleta indagine e valutazione sulla situazione scolastica in atto, di cui non siano state individuate alternative in patria. T. R.G.A. Trentino Alto Adige, sede di Trento, Pres. Numerico. Est. Mosconi, sent. n. 66 del 2 Marzo 2005. I.C. – Min. del lavoro e delle politiche sociali, comitato per i minori stranieri. 1- Il provvedimento qui posto in discussione dispone - come già annotato in rubrica - il rimpatrio assistito della ricorrente; ...
T. R.G.A. Trentino Alto Adige, sede di Trento, sent. n. 66 del 2 Marzo 2005